Notizie

BEST OF ITALY RACE 2016 - ESPLOSIONE DI MOTORI

27/9/2016

Il Team del Best of Italy vuole ringraziare tutti coloro che hanno preso parte e hanno supportato il Best of Italy Race nella sua prima edizione. E’ stata una grande avventura. Questa celebrazione dell’ingegneria italiana vuole essere da questo momento in poi un’istituzione annuale nel calendario dell’Emilia Romagna. Alcuni momenti speciali: Il rinomato test driver Valentino Balboni ha deliziato i fans dei motori nella giornata di Sabato, arrivando a bordo di una Lamborghini Miura. La leggenda del mondo delle corse a due ruote, Giacomo Agostini, ha guidato il gruppo dei motociclisti a bordo della sua MV Agusta. Nel gruppo erano presenti anche il campione italiano Claudio Tiramani a bordo della sua Ducati Diavel e Danilo Prencipe a bordo della sua MV Agusta F3800. Subito dopo è stato il turno delle apripista Formula 3, che hanno fatto strada alla categoria delle supercars, tra le quali: Ferrari 458 Challenge, 599 GTO, Lamborghini Aventador, Huracan, Murcielago, Gallardo, Diablo Roadster SV, Alfa Romeo 4C, Maserati Gran Turismo MC Stradale, Cinquone 695 Biposto e Abarth 695 Biposto. Romeo Ferraris ha fatto parlare di sé, a bordo della sua Fiat 500, insieme a Sandro Munari, campione di altri tempi, leggendario nella sua Lancia Stratos. La pilota e supermodella Jodie Kidd ha preso parte alla salita a bordo della Maserati Super Monoposto creata appositamente per l’evento. Le supercars hanno sfrecciato fino al primo stop a Lugagnano Val d’Arda, dove i piloti hanno dimostrato le capacità delle proprie vetture durante la prova di accelerazione. Alessandro Tinaburri si è aggiudicato la migliore accelerazione, arrivando a 138 km/h con la sua Formula Gloria. Nella giornata di Domenica, la Lamborghini della Polizia ha fatto da apripista alla categoria delle moto, mentre le F3 e le auto Osella hanno trascinato il gruppo delle supercars. Jodie Kidd è passata alle due ruote ed ha affrontato la gara ciclistica per il titolo di King of The Mountain su una bicicletta Pinarello Dogma. Giancarlo Perini si è aggiudicato la vittoria, con uno straordinario tempo di 41:31.2. Nella categoria dello scatto fisso i partecipanti hanno affrontato la difficile salita per Morfasso senza l'ausilio di marce e freni. Hanno preso parte alla competizione alcuni componenti de La Classica Racing Team: Nicholas Varani e Alessandro Carretti. Alla fine Alessandro Mariani ha conquistato la vittoria in 55:32. Joe Macari e la sua splendida Maserati MC12 GT1 hanno rubato la scena, vincendo il premio per la Migliore Supercar (creato dall’artista Guy Portelli). L’evento è stato un susseguirsi di rombi di motori, accompagnati da una magnifica esposizione di prodotti tipici locali piacentini. Non vediamo l’ora di accogliere i piloti per l’edizione del 2017! (16-17 Settembre 2017) In bocca al lupo!

SI CONCLUDE LA 13° EDIZIONE DI HILLS RACE

6/9/2016

DAL 2 AL 4 SETTEMBRE RIVANAZZANO TERME (Pv) E’ STATA PROTAGONISTA DELLA SCENA DRAG RACING ITALIANA ED EUROPEA. 87 piloti schierati al via, 9 nazioni coinvolte, 5.700 spettatori di ogni età, più di 550 vetture americane e Maggiolini rigorosamente air cooled parcheggiati ed esposti all’interno dell’area evento, 1.400 moto Harley-Davidson. Sono i numeri che hanno contraddistinto la 13° edizione di Hills Race andata in scena questo primo week end di settembre. Un marchio da 13 anni rodato, che sta portando l’Oltrepò Pavese tra le destinazioni top per gli appassionati della disciplina automobilistica del drag racing e tra un pubblico generalista sempre più ampio. Non solo gara ma grande show per tutti!

5° LUCKY DAY FEST

6/9/2016

I LUCKY RIDER MELDOLA ringraziano tutti coloro che hanno avuto il piacere di condividere con noi il 5°LUCKY DAY FEST. TUTTI!...dall' MC...all'appassionato del mondo biker! Onorati di avervi presentato la nostra nuova club house, rinnoviamo l'invito a tutti voi ai ns prossimi eventi dei quali sarete aggiornati. Un applauso va anche ad uno staff di PERSONE SPECIALI che ci supportano in momenti come questi appena passati,che non han paura a lavorare anche piu di noi, in cambio solo dell'essenza della parola AMICIZIA!!

MOTO GP SAN MARINO 2016 - MISANO

5/9/2016

Torna l'imperdibile apputamento con la MotoGP a Misano. Nel circuito intitolato a Marco Simoncelli si danno appuntamento i fuoriclasse delle due ruote. Visita motogp.misanocircuit.com per ogni informazione sulla prevendita dei biglietti.

HILLS RACE 2016 2-4 SETTEMBRE A RIVANAZZANO TERME (PV)

1/9/2016

Mancano pochi giorni alla 13° edizione di Hills Race, gara d’accelerazione automobilistica sul quarto di miglio ed appuntamento per appassionati di motori in programma a Rivanazzano Terme in Provincia di Pavia dal 2 al 4 settembre. Si tratta di una delle poche gare di drag racing in Italia. Ma non solo. L'evento regalerà ai visitatori un week-end dal sapore vintage e sportivo fatto di metallo, moto Harley, esposizione vetture d’epoca e muscle car, articoli di merchandise in tema, pin up, barbe e musica live. E' inoltre già stilata la lista defintiva dei piloti e delle vetture iscritte in gara. Un parterre internazionale con ospiti da Francia, Svizzera, Germania, Austria, Olanda, Belgio e naturalmente dall'Italia. 87 piloti in totale e ben 15 nella categoria massima SUPER PRO ET. Che lo show abbia inizio! Appuntamento a Rivanazzano Terme dal 2 al 4 settembre.

38° DOLOMITI MOTO INTERNATIONAL

1/9/2016

38° Dolomiti Moto International A.A. 2016 -Trofeo VALERI Sport Revival dell’8° Rally Touring delle dolomiti –- Memorial ALFREDO, MATTO, FILIPPO –Trofeo Vincenzo MAZZI Non doveva esserci nei programmi 2016 uno degli eventi che per anni ha qualificato il circus del mototurismo sportivo FMI della formula MOTORAID, ma il moto club Spinea e il suo presidente, hanno ceduto alle numerose richieste e sollecitazioni e quindi è stato rimessa in piedi la organizzazione del tradizionale e classico appuntamento del fine estate nelle montagne dolomitiche, soprattutto per dedicare ai tre giovani ragazzi, figli dei soci appartenenti al sodalizio, che hanno perso la vita negli ultimi tempi, per un messaggio di amore e sensibilizzazione alla sicurezza. La quattro giorni Dolomitica è stata vissuta dal gruppo di “fedelissimi” partecipanti provenienti dalla Sardegna, dall’Umbria e dalla terremotata regione appenninica delle Marche, dai genitori dei ragazzi, e dai soci, con uno stato d’animo di tensione e dolore che nell’aria ricorreva, comunque con discrezione e commozione soprattutto nel momento di saluto delle Autorità, nel minuto di silenzio con la dedica alla chiusura della giornata del sabato e della domenica ricordando anche le vittime del terremoto. Per questa trentottesima edizione una maggiore attenzione è stata data all’aspetto turistico piuttosto di quello sportivo, non tralasciando comunque quel pizzico di impegno e agonismo per chi voleva prendere parte al Dolomiti con il regolamento del motoraid piuttosto che del motogiro itinerante. Il programma dell’ evento è stato comunque, come sempre all’altezza della tradizione e ricco di iniziative, bilanciato, ma senza un attimo di pausa fin dall’avvicinamento attraverso il Cadore e i Passi Falzarego e Valparola transitando per la Conca Ampezzana e l’Alta Badia per giungere nel Marebbe a SAN VIGILIO, per delle maestose panoramiche che si presentavano di curva in curva. La giornata del venerdì è stata indirizzata alla scoperta delle bellezze naturali, alla storia e cultura Ladina con il motogiro guidato ai Molini di Lungerù, al Museo di Castel de Tor al Parco Fanes-Senes, lasciando al sabato la gara di regolarità stradale del RAID -3- DELLE VALLATE italo austriache con un percorso che ha toccato la valle Anterselva e passando in Austria attraverso il Passo Staller,la vallata del Defferengen che porta a Lienz e quindi la vallata della Drava e per Spittel - Hermagon per giungere al lago di Presseger See dove era posta la pausa pranzo-relax prima di rientrare in Italia attraverso e la vallata del Gail e la Val Pusteria dopo 300 km circa. Sullo stesso percorso che si sono misurati gli specialisti del cronometro con i C.O. controlli orari e C.T. controlli a timbro, i partecipanti del MOTOGIRO itinerante hanno comunque effettuato i controlli di transito per i servizi assistenza e i ristori volanti, degustando la Porchetta alla veneta, i formaggi del trentino lo speeck dell’Alto Adige la carne affumicata della Carinzia. Delle cene poi è meglio non parlare perché sembrerebbe un giro enogastronomico e non motociclistico, perché come al solito l’organizzazione ha fatto trovare a tavola le pietanze tipiche delle zone attraversate; dalla cacciagione ai prodotti della terra degustati in ambienti tipici e caratteristici fin dalla prima cena al Ristorante La BRONTA, poi al Maso Vanc in valle dei Molini, alla antica osteria GRAN CIASA , al rifugio La Miara e per finire al Pranzo alla CORONA DEL RE nel Pedemontano al Lago di Tarzo della domenica. Le montagne dolomitiche sono state esaltate da quattro giornate stupende come non mai è successo alla tradizionale manifestazione che hanno fornito immagini indimenticabile nelle memoria dei partecipanti: si è iniziato dalle cime delle montagne venete del Cristallo e dell’ Antelao, passando poi alle 5 Torri, alle Tofane, all’Antermoia, al Sass Putia, per passare poi all’olimpo del trittico nei passi del RAID -4- della domenica con il Gardena, il Sella, Il Sass Pordoi, la Marmolada e il Civetta e per finire, anche lo storico Passo S.Boldo dei 100 giorni commemorato nella discesa del Pedemontano che tanto ha influito alla fase finale delle Grande Guerra . Per il MOTORAID la giornata del RAID -3- del sabato con 12 controlli orari (di cui quattro annullati per la necessità di prolungare il tragitto a causa di un tratto in Austria chiuso per frana e per il passaggio alternato ogni 45 minuti del Passo Staller) ai quali sono stati aggiunti quattro controlli a timbro; la prova era valida per l’acquisizione del punteggio di ammissione alla Finale Nazionale di Magenta del 2 ottobre: La combinata con il MOTOGIRO della domenica è stata valida per il trofeo alla memoria di Vincenzo MAZZI, riservato alla classifica di rappresentanza per gruppi abbinando Il punteggio dei C.T. del RAID- 3- con quelli del RAID-4 DEI PASSI DOLOMITICI e in funzione al numero di partecipanti dello stesso gruppo. IL programma ha offerto le possibilità ai partecipanti, di vivere le strade e le bellezze paesaggistiche delle montagne delle Dolomiti, con escursioni in moto in sicurezza con media sotto i 40 km e con le dovute pause – non come purtroppo succede in questi ultimi tempi e l’invito era proprio nello slogan dell’adesivo della FMI distribuito “La strada non è una pista” e le ragioni spiegate dalla pubblicazione “Pensa alla vita… guida con la testa” distribuita con la partecipazione dell’ANVU nella campagna del PROGETTO ESTATE alla quale il gruppo Sicurstrada del MOTO CLUB SPINEA è impegnato nelle dieci tappe nel Veneto fra mare e monti. Dei giorni in compagnia con il collaudato gruppo organizzatore, anche si aspettava una maggiore presenza, ma il momento contingente di ristrettezze economiche, il lutto nazionale del terremoto, da dove venivano parecchi partecipanti delle precedenti edizioni ha fatto si che ci fosse un clima familiare, di calore e simpatia, a coprire la tristezza per tutta la manifestazione; un centinaio i motociclisti al via.. Per la cronaca le classifiche assoluta e quelle di categorie limitate a due; M.E.- moto d’epoca e M.M. moto moderne, hanno premiato in questa 38^edizione anche i “giovani “ della disciplina; COPERCHIO ALBERTO , TOLA ROBERTO NICOLETTI VINCENZO –– SIRIGU ALESSANDRO che pero non l’hanno spuntata per pochi centesimi sui veterani BORTOLETTO Lorenzo - MARINO LINO E CESARE CONTI – ALESSANDRIN LUCIANO - VETTORE MARCO, che a onore del vero si sono ben difesi fino all’ultimo C.O. e hanno comunque occupato i primi posti della classifica finale di categoria Qualche errore di troppo con l’uscita al primo tratto di DANIELI Randolfo, di FABRIZIO BALDANELLO che gli è morta la moto sull’ultimo tratto della P.d.A. e un inspiegabile erroraccio del pluricampione Fabio Della VEDOVA che tra l’altro correva in casa ed era nella sua terra, che è partito un minuto prima; si vede che voleva conquistare la maglia nera del MOTORAID DELLE DOLOMITI che gli mancava, dopo ben sei vittorie della classifica assoluta. Simbolicamente al via anche i presidenti onorari del club con il n°1 Evio Fassina e n°2 Luciano Naletto che hanno appeso il casco al chiodo. Premi a sorteggio e premiazioni sul comportamento e sicurezza, dei test e questionari, sono stati assegnati ai partecipanti grazie alla collaborazione della FALCO STIVALI MOTO - ABBIGLIAMENTO MOTO VALERI SPORT E PIRELLI -

Ceparana in MOTO per il TERREMOTO

1/9/2016

I MOTAURI della Spezia in collaborazione con RALLY DEI PIPISTRELLY e MOTONOTTURNA Avis ha creato l'evento "Ceparana in MOTO per il TERREMOTO" Motoconcentrazione SPEZZINA di AUTO D'EPOCA e MOTO, per una raccolta fondi per beneficenza ai terremotati del 24.08.2016 - 3.36 PROGRAMMA Sabato Ore 9.00 - 20.00 1° memorial "Doriano ROMBONI " di enduro Stand commerciali "Mercato di Forte dei Marmi" ed espositivi, attrazioni. Domenica Ore 8.00: apertura evento Ore 10.00: parata di Auto d'epoca e Moto Ore 12.00: benedizione dei mezzi partecipanti Ore 13.00: pranzo con i "PANIGACCI di Podenzana" Ore 14.00: 1° memorial " Doriano ROMBONI " di enduro Ore 20.00: chiusura manifestazione Molto interesse sta riscontrando la nostra iniziativa e molte sono le condivisioni dell'Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/308675969483850/ Venite in massa il 18 settembre in moto, in auto d'epoca o semplicemente ad ammirare i veicoli interventi, contribuendo con una vostra piccola OFFERTA. Il ricavato (al netto delle spese organizzative) sarà consegnato di persona ai bisognosi dagli organizzatori. VI ASPETTIAMO Partecipate numerosi. GRADITA LA PRENOTAZIONE Auri 349 9346394 Michele 349 2530290 Bruno 347 8639979 Pagina FACEBOOK: MOTOCLUB MOTAURI LA SPEZIA

ESTATE 2016

12/8/2016

Lo staff di Motoraduni.it augura a tutti gli amici motociclisti e non BUONE VACANZE!!!

15° Raduno Nazionale FazerItalia

29/7/2016

Per la 15° tappa della storia dei nostri Raduni Nazionali si torna in Abruzzo, fra il Parco Nazionale della Majella e il Parco Nazionale del Gran Sasso A ospitarci la città di Sulmona, famosa per i confetti, che cercheremo di conoscere meglio durante i giorni del raduno. Per quanto concerne invece i motogiri, quest'anno vogliamo scoprire meglio la zona della Majella; senza dimenticare ovviamente il Gran Sasso. Come Club Ufficiale Yamaha, ovviamente invitiamo tutti i possessori di Yamaha a partecipare. Il motoraduno è comunque aperto a tutti i motociclisti che vorranno partecipare, senza distinzione di modello di moto: l'importante per noi è condividere la passione. Tanti i borghi e le località che si possono vedere e visitare, alcuni dei quali fanno parte dei percorsi dei motogiri. Fra questi Pacentro, Campo di Giove, Bocca di Valle con la Cascata di San Giovanni, Roccascalegna, Pescocostanzo, la riserva del Bosco di Sant'Antonio e gli eremi, Popoli, Navelli, Ofena, Castel del Monte, Rocca Calascio con il castello famoso per il film Ladyhawke, Santo Stefano di Sessiano, Opi ed tanto altro. Come base abbiamo scelto l’albergo Santa Croce Meeting di Sulmona. Vi aspettiamo per scorrere insieme lungo le strade abruzzesi, godendo delle curve e dei panorami in buona compagnia.

40° Stelvio International Mezeler - 5018 iscritti ufficiali

4/7/2016

40° Motoraduno Stelvio International Mezeler un evento che ha deciso di festeggiare i suoi primi quarant’anni con 5018 iscritti ufficiali provenienti dall’Italia ma non solo. E’ stata un’edizione veramente speciale con ospiti famosi come Maddalena Corvaglia, Marco Melandri e a sorpresa presso la Suzuki anche Marco Lucchinelli. Il motoraduno come negli ultimi anni è cominciato giovedì con una serata presso l’albergo Quarto Pirovano al passo Stelvio. Venerdì il campo base si è spostato come di consuetudine a Sondalo dove il concentramento di centauri aumentava di ora in ora. Grandissimo lo spettacolo offerto dagli stuntman di fama mondiale Romain Jeandrot e Sarah Lezito presentato in modo energico dalla bravissima Angie. Fortunatamente il meteo è stato clemente e quindi molte sono state le persone che hanno visitato l’area del raduno per vedere gli spettacoli, gli stand, sentire le cinque band, fare demo ride con Honda, Suzuki, Yamaha, Aprilia e Moto Guzzi durante il week end sondalino. Quest’anno il raduno ha voluto sensibilizzare anche i motociclisti su aspetti sulla sicurezza stradale spiegando le caratteristiche principali dei pneumatici con Gabriele Viviani di Metzeler, i caschi con Nolangroup, i dispositivi di MotoAirBag, guida sicura e sicurezza stradale con Gian Andrea Proh di Valtellina Security Driving Project School, guida in pista e sicurezza sulle strade con il dott. Marco Guidarini presidente dell’ Associazione Motociclisti Incolumi, la testimonianza del dott. Massimo Brambilla primario dell’unità spinale di Sondalo, il pilota Marco Melandri, Maddalena Corvaglia , Emiliano Malagoli dei Diversamente Disabili. Con utili del raduno e oggetti che metteremo all’asta cercheremo di comprare attrezzature per l’unità Spinale di Sondalo, tutti possono contribuire all'iniziativa versando qualsiasi cifra a Polisportiva Sondalo Sport iban IT15Z0569611009CCI000089807 causale "unità spinale di Sondalo" anche pochi euro versati da molti fanno la differenza. Per quanto riguarda le classifiche il Belgio ha dominato le classifiche di squadra dei moto club stranieri essendo presenti nei primi tre posti. Per gli individuali il primo posto assoluto è per un motociclista Finlandese. Per i moto club Extra Regione vince Città di Riccione seguito da Bisko Stefano Doria e Alba ; per i moto club della Lombardia vince Erba seguito da Pro Race Club e Le Aquile del Lura. Durante la premiazione siamo stati onorati di avere un premio ufficiale dalla Fondazione Marco Simoncelli e siamo stati contenti di poter dare un ringraziamento ai fondatori del primo Motoraduno dello Stelvio del 1973 Garavatti Giulio, Lenini Aldo e Castaldelli Alberto. Ringraziamo i quasi 300 volontari che come ogni anno ci hanno aiutato a realizzare tutto ciò, i profughi presenti nel comune che volontariamente hanno collaborato nei lavori di sistemazione dell’area, l’amministrazione comunale di Sondalo e quella di Grosio per l’aiuto nella gestione delle strutture e il prestito di transenne. Ringraziamo inoltre tutti gli sponsor dai più facoltosi ai più piccoli, tutti sono indispensabili per far si che l’evento possa essere sempre il migliore.